Legislazione sull'ecodesign e apparecchiature di refrigerazione per uso professionale


Jul 6, 2020

MEPS per ridurre il consumo di energia

La direttiva europea sull'ecodesign e la direttiva complementare sull'etichettatura energetica hanno un impatto significativo sull'efficienza energetica di una serie di apparecchiature. Essi mirano a ridurre il consumo di energia in vari settori di apparecchiature in Europa, sia stabilendo standard minimi di rendimento energetico (MEPS) sia rendendo facile per gli acquirenti confrontare l'efficienza energetica di diversi modelli.

Le leggi vengono gradualmente applicate al settore della refrigerazione commerciale e professionale - naturalmente un settore chiave per il consumo di energia.

Dal 1° luglio 2016, la legge richiede che tutti gli "armadi frigoriferi professionali" siano conformi e mostrino etichette stampate che mostrino il codice colore dell'energia prodotta. Questa categoria comprende i frigoriferi e i congelatori professionali che si trovano in una cucina di un ristorante: armadi di stoccaggio, armadi con porte massicce e unità di refrigerazione da banco massicce, così come gli armadi di abbattimento - ma non il tipo di vetrine refrigerate che si trovano in un supermercato...

Come le etichette energetiche su altri prodotti, i prodotti sono classificati da A a G, o da A++ a G, dove A (o A+++) e tutti gli armadi devono avere almeno un'etichetta G per essere venduti in Europa. Oltre all'etichetta stampata, un'etichetta elettronica deve essere messa a disposizione dei rivenditori per ogni modello, così come una scheda informativa sul prodotto e la documentazione tecnica (nel caso in cui sia richiesta dalle autorità).

Il nuovo regolamento stabilisce anche che qualsiasi pubblicità per un armadio frigorifero professionale che contiene informazioni sull'energia o sul prezzo deve includere un riferimento alla classe di efficienza energetica di quel modello.

L'indice di efficienza energetica (EEI)

Per determinare la classe energetica, i produttori devono calcolare l'indice di efficienza energetica (EEI) dell'armadio, basato sull'energia utilizzata dall'armadio in relazione a un consumo energetico annuale standard.

Le misurazioni e il calcolo del consumo di energia sono effettuati utilizzando la norma EN 16825. Gli armadi devono soddisfare i requisiti di temperatura di funzionamento ed essere testati in condizioni climatiche definite.

Una probabile conseguenza dell'esistenza di standard energetici minimi è che più modelli saranno progettati per funzionare con refrigeranti idrocarburici, data la loro migliore efficienza rispetto agli HFC.

Poiché l'indice di efficienza energetica indica i chilowatt consumati in relazione al suo volume netto utilizzabile, ne consegue che aumentando questo volume si migliorerà il punteggio dell'EEI. Di conseguenza, gli esperti credono che i produttori aumenteranno le dimensioni degli armadi per migliorare i loro punteggi energetici - un fatto che potrebbe mettere ulteriore pressione sulle cucine professionali affamate di spazio.

Un altro elemento chiave dell'etichetta energetica è che avrà anche tre classi di temperatura: servizio leggero (25°C/60%RH); servizio normale (30°C/55%RH); e servizio pesante (40°C/40%RH).

La direttiva sarà supervisionata nel Regno Unito dal National Regulation and Measurement Office, che ha il potere di effettuare controlli a campione sulle etichette dei produttori.

Si riconosce che i requisiti di ecodesign sono stati considerevoli per i produttori di involucri. Ogni tipo di modello deve essere testato in modo indipendente o almeno i test effettuati in casa devono essere controllati in modo indipendente, costringendo i produttori a investire in centinaia di test sui prodotti per produrre le etichette energetiche.

Anche se è costoso per i produttori, è generalmente accettato che l'etichettatura energetica è una buona cosa per chi specifica gli armadietti, perché permette loro di confrontare l'efficienza energetica di diversi modelli. Il consenso nell'industria è che le regole hanno messo l'accento sul costo totale di proprietà e, in misura minore, sulla produzione di carbonio, in un settore che è stato storicamente più concentrato sul design e sulla temperatura.

L'indice di efficienza energetica dovrebbe essere rivisto periodicamente, man mano che vengono introdotte apparecchiature più efficienti dal punto di vista energetico, e la scala da A a G dovrebbe essere ripesata di conseguenza. Questo processo dovrebbe anche, col tempo, ridurre le importazioni di attrezzature economiche ma inefficienti, portando a un miglioramento generale della qualità.