Refrigeratori e ventilconvettori: prestazioni per il settore delle terziarie

Se la progettazione di edifici commerciali è sempre più legata alle prestazioni dell'edificio, riducendo le esigenze di riscaldamento, le esigenze di condizionamento dell'aria rimangono reali. È anche più probabile che vengano accentuate dal fatto che gli uffici sono sempre più dotati di apparecchiature che generano calore e sono sempre più isolati. Inoltre, le restrizioni sull'uso dei refrigeranti sono sempre più forti, i sistemi di condizionamento dell'acqua refrigerati sono soluzioni adeguate per soddisfare tutti questi vincoli.

Progettato per fornire l'aria condizionata più comunemente negli edifici commerciali e industriali, i refrigeratori possono essere reversibili e fornire il riscaldamento. La temperatura operativa di una produzione di acqua refrigerata comfort è 7°C / 12°C. In questi sistemi, è l'acqua che viene utilizzata come fluido intermedio per il trasferimento di energia, sia pura che con aggiunta di glicole, a differenza dei sistemi di espansione diretta che utilizzare direttamente il refrigerante come fluido termovettore per evacuare le calorie verso l'esterno e trasmettere le friggitrici alle unità terminali del condizionamento d'aria.

Nei sistemi aria / acqua, le calorie vengono prese dall'aria esterna, una fonte di energia libera e inesauribile: l'energia restituita dalla macchina refrigerante viene trasferita all'acqua, ai trasmettitori che raffreddano le stanze che lo richiedono. Nei sistemi acqua / acqua, la fonte di calorie è l'acqua, proveniente dalla falda acquifera o attraverso una torre di raffreddamento. La macchina frigorifera dà energia a una rete di acqua refrigerata convogliata ai trasmettitori.

La condensazione dell'acqua ha una maggiore capacità termica rispetto alla condensazione dell'aria e un EER migliore (Efficienza energetica in refrigerazione), soprattutto perché questa soluzione è meno dipendente dalle condizioni di temperatura esterna.

Ritorno delle pompe di calore sul circuito dell'acqua

Esistono altri sistemi, come le pompe di calore aria-acqua ad anello d'acqua, che erano esplose negli anni '90 per poi declinare nelle vendite. Ora stanno facendo un ritorno come notato da alcuni produttori perché hanno vantaggi in termini di installazione: possono essere installati come sistemi più leggeri e possono garantire il rinnovo dell'aria fresca e l'estrazione di aria viziata attraverso le pareti esterne. Le prese d'aria sono quindi invisibili, direttamente integrate nelle facciate. Una risorsa importante per i progetti di ristrutturazione, i chiller che richiedono il passaggio di tubi di diametro maggiore rispetto ai sistemi ad espansione diretta e, in effetti, più difficili da implementare nella struttura esistente. Poiché le evoluzioni delle apparecchiature tendono verso prestazioni energetiche sempre maggiori, i refrigeratori attualmente sul mercato funzionano per lo più con i compressori Inverter al fine di adeguare la velocità in base alla domanda, variando la frequenza della corrente. Inoltre, sempre più sistemi di distribuzione negli edifici dell'industria dei servizi stanno implementando ausiliari a velocità variabile, come le pompe di circolazione.

Individualizzazione del comfort

Altri sistemi che utilizzano acqua refrigerata o calda per fornire funzioni di raffreddamento e / o riscaldamento sono le unità ventiloconvettori. Installati nelle stanze da trattare, sono costituiti da una batteria fredda, un filtro, resistenze elettriche e un ventilatore. Nella versione "2 tubi / 2 fili", i due tubi corrispondono al flusso di ritorno dell'acqua refrigerata per l'operazione di raffreddamento. I due fili corrispondono all'alimentazione dei resistori per l'operazione di riscaldamento. I ventilconvettori consentono una personalizzazione del comfort, le modalità di riscaldamento e raffreddamento funzionano in modo indipendente nei vari locali da trattare. Anche qui si cercano prestazioni: sempre più attrezzature sono dotate di ventilatori a basso consumo.

I sistemi idrici sono oggetto di due programmi di certificazione europei Eurovent. Tra le caratteristiche certificate dal programma "Chiller (LCP-HP)": potenza frigorifera, potenza assorbita, coefficiente di efficienza energetica, potenza termica, coefficiente di prestazione, caduta di pressione del liquido, pressione disponibile, caduta di pressione al condensatore...

Per quanto riguarda il programma "Fan Coils (FCU)", riguarda tutte le unità ventilonconvettori, inguainate e sguainate, a velocità variabile o meno, e certifica tre serie di caratteristiche: termica, acustica e aeraulica.