Quando è stato lanciato nel Regno Unito nel 2011, lo schema di incentivazione del calore rinnovabile (più comunemente noto come RHI) è stato il primo regime di incentivi a livello mondiale.

Anche se è stato oggetto di molte critiche nel corso degli anni, il RHI è indubbiamente servito a promuovere l'industria del riscaldamento rinnovabile nel Regno Unito, ponendo l'accento sulle nuove forme di tecnologia a bassa emissione di carbonio dalle pompe di calore alle caldaie a biomassa.

Il governo britannico crede certamente di aver avviato lo sviluppo di un riscaldamento a basse emissioni di carbonio, aiutando la transizione al riscaldamento convenzionale per una vasta gamma di clienti, con i due regimi: nazionali e non nazionali, attingendo a proprietari di case, operatori di edifici commerciali e enti pubblici, comprese gli enti di beneficenza.

"Il RHI è progettato per colmare il divario tra il costo dell'installazione della tecnologia rinnovabile e quella dei sistemi di riscaldamento convenzionali come le caldaie a gas".

Il cuore dello schema è un pagamento per kWh di riscaldamento rinnovabile utilizzato (la cosiddetta "tariffa", con la tariffa che varia da tecnologia a tecnologia, sulla base dell'efficienza del carbonio.

Per ricevere il sostegno attraverso il RHI domestico, le famiglie devono installare una tecnologia idonea - caldaie e stufe a biomassa, pompe di calore di origine dell'aria e di terra o sistemi termici solari - per riscaldare la loro casa. Quindi possono richiedere un sostegno finanziario per contribuire a coprire il costo dei loro sistemi. Le tecnologie devono essere installate da un installatore qualificato, certificato dal Microgeneration Certification Scheme (MCS), garantendo che le tecnologie rispettino determinati standard e siano installate correttamente.

Per il RHI non domestico, le installazioni più grandi consentono di specificare una gamma più ampia di tecnologie rinnovabili. Attualmente sono: biomassa e caldaie a biogas; pompe di calore; sistemi solari termici e geotermici profondi; ed i sistemi CHP (combinati calore e potenza) che utilizzano combustibili o fonti rinnovabili.

In ogni regime le tariffe sono pagate contro il calore utilizzato, misurato normalmente dal contatore di calore o per le proprietà domestiche in base al certificato di prestazione energetica della casa. Lo schema domestico paga i proprietari per sette anni, mentre per i non domestici è di 20 anni, riflettendo le installazioni più grandi.

Nel novembre del 2016, il governo ha annunciato una revisione dei programmi per riflettere il continuo sviluppo delle varie tecnologie.

"La nuova versione dello schema ha visto maggiori incentivi per le pompe di calore a fonte di aria - un aumento del 25% dei pagamenti effettuati - che il governo dice è in riconoscimento della probabile importanza che avranno nel lungo termine la decarbonizzazione del calore, Le proprietà non sono collegate alla rete del gas. L'aumento delle tariffe è chiaramente inteso a far aumentare la presa in considerazione della tecnologia dell'aria.

Lo schema riconosce anche l'importanza di disporre della pompa di calore dell'aria in funzione dell'efficienza ottimale, quindi è ora necessario che le installazioni domestiche dispongano di un contatore intelligente per i proprietari di abitazione da utilizzare.

Il nuovo sistema nazionale prevede inoltre un maggior pagamento per le caldaie a biomassa e mantiene il pagamento per l'utilizzo di sistemi termici solari, che possono essere installati da soli o in combinazione con altre energie rinnovabili come pompe di calore.

C'è qualche dibattito sul fatto che l'offerta dei pagamenti RHI cambia veramente la decisione degli specifici - alcuni del settore credono che i tempi di rimborso per la tecnologia rinnovabile siano ancora troppo lunghi, anche con il pagamento di RHI e ciò che è necessario per cambiare veramente il comportamento è la legislazione che richiede un riscaldamento a carbonio inferiore.

"Ciò che è chiaro è che l'incentivo sul calore rinnovabile ha fornito una spinta molto necessaria allo sviluppo delle tecnologie relativamente giovani coinvolte e che i cali delle pompe di calore e delle caldaie a biomassa sono ora costituiti per essere parte integrante dei movimenti del Regno Unito verso la decarbonizzazione del riscaldamento."