Gli impianti a flusso di refrigerante variabile (VRV)

Gli impianti a flusso di refrigerante variabile sono destinati, come i climatizzatori, a raffreddare l'aria di uno o più locali, prelevando il calore all’interno dell’abitazione per evacuarlo all'esterno. Alcuni impianti di questo tipo possono anche essere utilizzati in modo riscaldamento.

Contrariamente ai climatizzatori destinati ad un uso domestico, gli impianti a flusso di refrigerante variabile possono essere collegati a diverse unità interne. Sono generalmente utilizzati presso i centri commerciali, gli edifici amministrativi, gli hotel, gli ospedali, ecc.

Principio di funzionamento

I sistemi VRV appartengono a una categoria di impianti di climatizzazione che ricorre alle stesse leggi della termodinamica ed agli stessi componenti dei climatizzatori.

Un sistema VRV si compone di 5 elementi:
- Un fluido refrigerante che circola all’interno del sistema. Questo fluido cambia stato all’interno di ogni componente allo scopo di convertire l'energia prelevata dall’abitazione e rigettarla sotto forma di calore verso l’ambiente esterno.
- Un evaporatore, denominato anche “scambiatore”, che, recuperando le calorie presenti nell'ambiente interno, trasforma il fluido refrigerante in gas per evaporazione.
- Un compressore, alimentato da un motore (elettrico), che aumenta la temperatura del fluido che esce dall'evaporatore, aumentandone la pressione.
- Un condensatore, denominato anche “scambiatore”, che garantisce il trasferimento dell’energia che si produce durante il cambiamento di stato del fluido verso l’ambiente esterno. La condensa trasforma il gas che esce dal compressore in liquido.
- Un riduttore di pressione che diminuisce la pressione del liquido che esce dal condensatore affinché il fluido refrigerante possa ricominciare un nuovo ciclo.

In alcuni casi, il funzionamento può essere invertito:

  • l’evaporatore diventa un condensatore
  •  e viceversa.

In questo modo, l’apparecchio può catturare il calore nell'aria esterna per diffonderlo verso l’interno. Si parla in questo caso di unità reversibile.

Tecnologie certificate

I sistemi VRV possono funzionare:

  • in modo raffrescamento
  • in modo reversibile (raffrescamento o riscaldamento)
  • oppure possono recuperare energia (raffrescamento e riscaldamento contemporaneamente) modo non certificato.

L’unità esterna attinge / emette le calorie nell'aria, ma alcuni modelli possono anche essere installati su un circuito ad acqua.

Le unità interne certificate possono presentarsi in cassetta o essere dotate di condotti d'aerazione:

  • La cassetta è un’unità interna incassabile in un controsoffitto.
  • L’unità dotata di condotti è un’unità interna che si integra nel controsoffitto grazie a una rete di condotti.

Vantaggi di un sistema VRV

Contrariamente ai climatizzatori tradizionali:

  • Le unità esterne hanno potenze frigorifere comprese tra 12 e100 kW.
  • L’unità esterna può essere combinata con 64 unità interne al massimo.
  • L’impianto VRV può far variare il volume del fluido refrigerante al suo interno, in funzione delle esigenze di riscaldamento e raffrescamento dell’edificio.

Confrontare per operare la scelta giusta

Per fare la scelta giusta, non vi è nulla di più semplice, basta confrontare i prodotti. Tuttavia, quando le prestazioni degli apparecchi non sono certificate, è praticamente impossibile.

La certificazione permette di confrontare i prodotti in modo obiettivo.

  • Le prestazioni dei prodotti sono valutate secondo gli stessi criteri ed i risultati sono espressi in una stessa unità di misura, a prescindere dal paese dove sono fabbricati o commercializzati i prodotti.
  • Un prodotto certificato presenta prestazioni verificate da un organismo accreditato imparziale, indipendente e competente.
  • I prodotti certificati sono conformi alle norme.
  • Un prodotto le cui prestazioni sono certificate funzionerà in conformità alle specifiche annunciate dal fabbricante.

Prestazioni certificate

In seguito alla nuova normativa europea a favore della vendita di impianti di riscaldamento efficienti, le prestazioni dei sistemi a flusso di refrigerante variabile si sono recentemente evolute: la loro efficienza, a lungo caratterizzata dall’efficienza energetica istantanea denominata EER per il modo raffrescamento e COP per il modo riscaldamento, d’ora in poi sarà caratterizzata da prestazioni che riflettono l'efficienza energetica dell’impianto VRV / VRF tutto l’anno. Parliamo in questo caso di SEER (indice di efficienza energetica stagionale, per il modo raffrescamento) o ηsh e di SCOP (coefficiente di prestazione stagionale per il modo riscaldamento) o ηsh. Più queste performance saranno elevate, più l’impianto sarà efficace.

Prestazioni in condizioni standard

  • Potenza frigorifera esterna in condizioni standard
  • Potenza calorica esterna in condizioni standard
  • Potenza assorbita (freddo e caldo) in condizioni standard
  • Efficienza energetica istantanea in EER frigorifero in condizioni standard
  • Coefficiente di prestazione esterno in COP calorico in condizioni standard

Prestazioni stagionali in modo freddo

  • Pdesignc
  • SEER & ηsc

Prestazioni stagionali in modo caldo

  • Pdesignh
  • SCOP & ηsh

Prestazioni acustiche

  • Livello di potenza acustica ponderato A lato esterno in modo freddo
  • Livello di potenza acustica ponderato A lato esterno in modo caldo (per le unità reversibili)
Domande? Bisogno di ulteriori informazioni?