I sistemi VRF a 3 tubi, noti come sistemi di "recupero di energia", forniscono sia il riscaldamento che il raffreddamento in base alle esigenze delle diverse aree. Particolarmente adatti alle esigenze termiche in mezza stagione, consentono all'utente di migliorare l'efficienza energetica.

Pompa di calore in inverno, unità di raffreddamento in estate ... I sistemi VRF sono dispositivi termodinamici che operano in espansione diretta: non è né aria né acqua circolante nei condotti ma refrigerante, trasportato allo scambiatore che funge da condensatore o scambiatore a seconda di la modalità scelta, calda o fredda. La quantità di fluido varia a seconda delle esigenze delle unità interne. Se i sistemi a 2 tubi sono reversibili, i sistemi a 3 tubi producono sia caldo che freddo. Una soluzione ideale a metà stagione quando, ad esempio, i locali su una facciata all'ombra presentano una richiesta di riscaldamento, mentre altri, situati in una facciata soleggiata, hanno esigenze di raffreddamento.

Se, in generale, il mercato VRF è in buona forma (+ 15% secondo i dati Uniclima pubblicati nel 2017), questo riguarda quasi esclusivamente il settore dei servizi. Questi sistemi sono ancora relativamente rari nel settore residenziale. Inoltre, a causa dei costi aggiuntivi legati alle scatole di distribuzione e alla progettazione specifica delle unità esterne, i VRF a 3 tubi rimangono hardware di fascia alta. L'alternativa meno costosa per soddisfare sia le esigenze di caldo e freddo rimane l'implementazione di diversi gruppi di 2 tubi esterni organizzati per facciata. Tuttavia, l'offerta miniVRF sta crescendo per soddisfare l'aria condizionata di piccoli gruppi e piccole installazioni come i padiglioni. Questa soluzione ha un altro vantaggio: ci sono meno tubi da installare nella rete di distribuzione perché le unità interne sono in serie e non in parallelo dall'unità esterna, come nel caso di un sistema multi-split.

Trasferimento termico da un'area all'altra

In una soluzione di recupero energetico VRF a 3 tubi, le unità interne sono completamente indipendenti, le prestazioni e il risparmio energetico sono aumentati: il sistema consente principalmente un trasferimento di calore da una zona calda a una zona fredda e viceversa. Infatti, nel caso in cui la maggior parte delle unità interne distribuisce il freddo, i locali in termini di richiesta di calore vengono riscaldati dall'energia recuperata nelle stanze con aria condizionata, mentre l'unità esterna fornisce la necessaria condensa aggiuntiva. Nel caso in cui la maggior parte delle unità interne siano impostate in modalità riscaldamento, l'energia richiesta per il riscaldamento viene principalmente prelevata dall'aria esterna ed è il supplemento che verrà recuperato per soddisfare la richiesta di raffreddamento delle altre stanze. Nella stessa zona è possibile installare da 6 a 9 unità interne, secondo i produttori. Possono essere a parete, a consolle, a soffitto o collegati a una rete di ventilazione. Il refrigerante viene distribuito nelle diverse zone tramite una scatola di distribuzione: alimenta le unità interne con vapore ad alta pressione (HP) o liquido a seconda delle esigenze termiche e della temperatura impostata.

Rispetto delle quantità massime di fluido

Per il refrigerante che circola direttamente nell'edificio nei sistemi VRF, è essenziale rispettare le norme in vigore, che regolano le quantità massime autorizzate. Pertanto, la norma europea EN378 impone un limite di 0,44 kg/m³ di quantità di refrigerante contenuta nel più piccolo volume chiuso contenente un'unità interna. Per rispettare queste cifre, il calcolo deve essere eseguito dall'installatore o dall'ufficio tecnico responsabile della progettazione dell'impianto. Si consiglia di creare più circuiti nello stesso edificio per limitare le quantità di fluido nello stesso circuito. Il vantaggio: le lunghezze dei tubi saranno ridotte così come, di fatto, le perdite di carico. Inoltre, rispetto a un sistema di acqua refrigerata, i tubi sono in sezioni più piccole, quindi più facili da superare, il che è un vantaggio se si desidera una soluzione di comfort estate/inverno per un progetto di ristrutturazione.

Al fine di garantire e mantenere il corretto funzionamento del sistema, si consiglia di stipulare un contratto di manutenzione con uno specialista, soprattutto dal momento che questi sistemi riguardano l'elettronica. Prestare particolare attenzione anche alla pulizia periodica delle unità interne e alla rimozione della condensa con l'installazione di un sistema a gravità preferibilmente, senza una pompa quando possibile, per evitare rischi aggiuntivi.